Ultimo aggiornamento: 23/07/2020

Come scegliamo

21Prodotto analizzati

24Ore impiegate

6Studi valutati

68Commenti raccolti

Anche se spesso non le viene attribuita tutta l’importanza che merita, la scelta di un alimentatore PC può avere notevole influenza sul rendimento di un computer. Perciò, non conviene cedere alla tentazione di acquistarne uno di scarsa qualità e, di conseguenza, più economico, per poter così aumentare leggermente il budget da destinare ad altri componenti.

Come si suol dire, la virtù sta nel mezzo. Se stai pensando di montare il tuo computer pezzo per pezzo, è fondamentale installare un buon alimentatore e tenere in considerazioni eventuali espansioni che desideri effettuare sul dispositivo. Scegliere l’alimentatore corretto, tuttavia, non significa soltanto acquistare il modello più potente.

Le cose più importanti in breve

  • L’alimentatore PC ha il compito di convertire la corrente alternata della rete elettrica in corrente continua e distribuirla tra i diversi componenti del dispositivo.
  • Una cattiva scelta dell’alimentatore può comportare effetti indesiderati nel rendimento del computer, come interruzioni di corrente, riavvii o blocchi improvvisi.
  • Al momento di acquistare un alimentatore PC, devi assicurarti che sia dotato della potenza necessaria per soddisfare le esigenze energetiche di tutti i componenti.

I migliori alimentatori PC sul mercato: la nostra selezione

Qui di seguito, ti presentiamo la selezione di alimentatori PC che noi di reviewbox.it abbiamo preparato per te. L’abbiamo realizzata cercando di includere articoli diversificati. Vi potrai trovare un alimentatore di fascia medio-alta così come uno pensato per budget più limitati. In ogni caso, tutti quanti offrono un ottimo rapporto qualità-prezzo.

L’alimentatore PC più economico

Fra le proposte più economiche del mercato, il Corsair VS550 è forse quella con il miglior rapporto qualità-prezzo. È un alimentatore da 550 W poco costoso ma affidabile, con efficienza 80 Plus e ventola da 120 mm silenziosa. Dispone di 2 connettori PCIe a 8 pin, 4 Sata e 2 Molex. Gli acquirenti non segnalano difetti evidenti, e tolto il fatto che non si tratta di un alimentatore modulare, resta uno dei migliori compromessi fra costo e prestazioni.

L’opzione con illuminazione RGB più conveniente

Il Thermaltake Smart RGB da 700 W è la soluzione ideale per chi vuole illuminare l’interno del proprio case, senza spendere cifre spropositate. Grazie ad un pulsante posto sul retro e accessibile dall’esterno, è possibile impostare una luce fissa o un ciclo di tutto i colori, o anche spegnerla del tutto. Gli acquirenti sono entusiasti del valore estetico del prodotto, pur non essendo modulare; la configurazione dell’illuminazione è indipendente dalla scheda madre, il che ha i suoi vantaggi e diffetti.

Il miglior alimentatore per PC da gioco di fascia medio-alta

L’Asus ROG Strix 650G è una delle migliori proposte per quanto riguarda la fascia da 650 W, quella più comunemente adottata per configurazioni di PC da gioco con una scheda video di fascia medio-alta. Ha una certificazione 80 Plus Gold, è completamente modulare, ed ha una ventola che gli acquirenti definiscono silenziosa anche durante le sessioni più stressanti. È un po’ più lungo rispetto alle proposte più economiche, ma offre affidabilità e connettività di prima categoria.

L’alimentatore PC più adatto alle configurazioni più esigenti

Il Corsair RM850i è senza dubbio uno dei migliori alimentatori per PC in assoluto, in grado di adattarsi anche alle configurazioni da gioco più esigenti, mantenendo affidabilità ed efficienza al top. È un prodotto con certificazione 80 Plus Gold, completamente modulare e realizzato con condensatori giapponesi di prima scelta. Il modello in esame consente di monitorare temperature e tensioni via software, oltre che di impostare una curva di funzionamento della ventola personalizzata.

Guida all’acquisto: Tutto quello che devi sapere sugli alimentatori PC

Al momento di acquistare un alimentatore PC, è importante tenere in considerazione una serie di questioni che possono essere utili per scegliere il più adatto. In tal modo, ti assicurerai che sia in grado di coprire le esigenze dei diversi componenti del dispositivo. Quindi, in questa sezione, cercheremo di risolvere tutti i tuoi eventuali dubbi.

Uomo al computer

Gli attuali alimentatori funzionano convertendo tutta la corrente alternata (CA) in corrente continua (CC) di +12 V. (Fonte: Goodluz: 37490500/ 123rf.com)

Che cosa sono esattamente gli alimentatori PC?

Gli alimentatori hanno il compito di trasformare la corrente alternata della rete elettrica in corrente continua, cioè quella utilizzata dai diversi componenti del computer.

In tal modo, soddisfano la richiesta energetica di ciascuno degli elementi del dispositivo.

Quindi, gli alimentatori prendono una corrente alternata di 115/230 V e la trasformano in corrente continua a basso voltaggio che distribuiscono attraverso varie uscite. Perciò, se il processore è il cervello di un computer, l’alimentatore può esserne considerato il cuore.

Come funziona un alimentatore PC?

Gli attuali alimentatori funzionano convertendo tutta la corrente alternata (CA) in corrente continua (CC) di +12 V. Poi, altri convertitori trasformano parte di questa CC da +12 V in CC da +5 V o +3,3 V, a seconda delle esigenze. Questo sistema è molto più efficiente e sicuro di una conversione diretta da CA ai diversi voltaggi di CC.

Successivamente, una serie di induttori e condensatori ha il compito di filtrare il rumore elettrico che può danneggiare i diversi componenti del dispositivo. Inoltre, l’alimentatore deve anche effettuare una regolazione del voltaggio per rispondere ai cambiamenti di carico (consumo) a cui è sottoposto.

Retro di un alimentatore PC

L’alimentatore PC ha il compito di convertire la corrente alternata della rete elettrica in corrente continua e distribuirla tra i diversi componenti del dispositivo. (Fonte: 安琦: 83862227/ 123rf.com)

Quali sono i motivi per acquistare un alimentatore PC?

I motivi per acquistare un alimentatore PC vanno dal sostituire l’alimentatore del dispositivo perché si è danneggiato al voler montare un nuovo PC componente per componente. Un’altra possibile ragione può essere il desiderare di aggiornare il dispositivo con nuovi componenti e aver quindi bisogno di un alimentatore più potente o di migliore qualità.

Quali sono i vantaggi di scegliere l’alimentatore PC più adatto?

Scegliere un alimentatore adatto implica una serie di vantaggi nel funzionamento del dispositivo. I più importanti sono i seguenti:

  • Aiuta a proteggere la vita utile degli altri componenti, riducendone il logorio e proteggendoli da bruschi aumenti o cali di tensione.
  • Permette di sfruttare al massimo le prestazioni dei diversi componenti del dispositivo.
  • Evita che si verifichino riavvii spontanei del sistema.
  • Funziona in modo molto più silenzioso.
  • Permette di ridurre il consumo energetico e, quindi, la bolletta della luce.

Quali conseguenze può avere la scelta sbagliata di un alimentatore PC?

La cattiva scelta di un alimentatore può comportare effetti indesiderati sul rendimento del dispositivo. Potrebbero quindi verificarsi interruzioni di corrente, riavvii o blocchi inaspettati e spontanei. Può anche dar luogo ad un calo di rendimento del dispositivo o ad un rumore eccessivo quando si utilizzano applicazioni, programmi o giochi molto pesanti.

Quanti anni di garanzia offrono gli alimentatori PC?

In generale, nell’Unione europea, la garanzia minima per i dispositivi e i componenti elettronici è di due anni. Tuttavia, molti produttori di alimentatori offrono garanzie molto più lunghe, che possono andare dai tre anni fino a dieci o più.

Criteri di acquisto

Giunto il momento di scegliere un alimentatore per il tuo PC, è fondamentale tenere in considerazione alcuni criteri di acquisto. Per semplificarti il processo di scelta, abbiamo selezionato i più importanti. L’abbiamo fatto per poterti offrire una guida completa per puntare al miglior rapporto qualità-prezzo possibile.

Formato dell’alimentatore

Il formato più comune degli alimentatori PC è l’ATX, solitamente utilizzato nella maggior parte  dei tower e middle tower. Normalmente, presentano altezza e larghezza pari rispettivamente a 150 mm e 86 mm, con una lunghezza che spazia tra 140 mm e 220 mm. Tuttavia, per case piccoli, il formato più comune è l’SFX. Nella seguente tabella, ne riassumiamo le caratteristiche.

ATX SFX
Dimensioni (altezza e larghezza) 150 x 86 mm. 125 x 63,5 mm.
Potenza massima che sono in grado di offrire Si possono trovare alimentatori da 2.000 W. Circa 600 W e 700 W.
Prezzo Più economici. Solitamente più elevato.
Utilizzi Tower e middle tower. Solitamente, vengono usati nei computer più compatti.

Potenza

La potenza di un alimentatore PC, misurata in watt, è una delle sue caratteristiche principali e, quindi, uno dei criteri di acquisto più importanti da tenere in considerazione. Devi scegliere un alimentatore che copra le esigenze di tutto il dispositivo. Per farti un’idea, un dispositivo per ufficio può richiedere una potenza pari a 400 W.

Per un computer multimediale, invece, avrai bisogno di circa 600 W; per una workstation, 750 W; per un computer gaming, come minimo, 900 W, anche se tale valore potrebbe essere decisamente più elevato, a seconda della sua configurazione. In generale, i componenti che consumano più energia e che, quindi, richiedono più potenza, sono la scheda grafica, il processore e l’hard disk.

Un computer fisso aperto

L’alimentatore PC aiuta a proteggere la vita utile degli altri componenti, riducendone il logorio e proteggendoli da bruschi aumenti o cali di tensione. (Fonte: Slezak: 72492652/ 123rf.com)

Distribuzione della potenza

Oltre alla potenza totale che l’alimentatore è in grado di fornire, devi anche tenere in considerazione la distribuzione di tale potenza per ciascuno dei rail di diverso voltaggio: +3,3 V, +5 V e +12 V, ad esempio. Di conseguenza, è fondamentale conoscere l’amperaggio di ciascuno di questi rail. In particolare, quello su cui devi concentrare maggiormente l’attenzione è quello da +12 V.

Questo è il rail utilizzato dalle schede grafiche, poiché sono il componente che comporta un maggior consumo energetico. Logicamente, maggiore sarà la potenza che la scheda grafica richiede, maggiore sarà l’amperaggio necessario. A questo proposito, la formula che lega queste tre variabili è la seguente:

foco

Potenza (W) = Intensità (A) * Differenza di potenziale (V)

Certificazione

Forse ancora più importante della potenza che l’alimentatore è in grado di assicurare è la qualità del flusso elettrico che fornisce, così come l’ottimizzazione della conversione della corrente alternata in corrente continua. Per misurare l’efficienza energetica di questa conversione, si ricorre alla certificazione 80 Plus.

Gli alimentatori che dispongono di certificazione 80 Plus assicurano, come minimo, di convertire l’80% dell’energia elettrica che consumano. Inoltre, a seconda che la conversione sia di peggiore o migliore qualità, la certificazione si classifica nelle seguenti categorie: Standard, Bronze, Silver, Gold, Platinum e Titanium. Nella seguente tabella, puoi scoprire le diverse efficienze.

80 Plus Standard 80 Plus Bronze 80 Plus Silver 80 Plus Gold 80 Plus Platinum 80 Plus Titanium
Efficienza 80% 82% 85% 87% 89% 90%

Protezione del voltaggio

Alcuni alimentatori PC dispongono di una serie di filtri che hanno il compito di assorbire e ridurre le fluttuazioni del flusso elettrico. In tal modo, proteggono i diversi componenti del dispositivo da eventuali picchi di corrente. Questi filtri prendono il nome di PFC (Power Factor Correction, dalla sigla inglese) e possono essere attivi o passivi.

In generale, sono molto più efficienti e, quindi, più consigliati, i filtri attivi. Solitamente, se l’alimentatore dispone di filtri attivi, il produttore lo evidenzia chiaramente nella pubblicità del prodotto. Se non è così, significa che l’alimentatore è dotato soltanto di filtri passivi.

Sistemi di cablaggio

Possiamo distinguere principalmente tre modi di gestire il cablaggio di un alimentatore PC:

  • Sistema modulare: Con questo sistema, dalla parte posteriore dell’alimentatore non fuoriescono cavi. Al loro posto, ci sono connettori a cui è possibile collegare i cavi di cui hai bisogno. Naturalmente, i cavi sono inclusi con l’alimentatore.
  • Sistema semi-modulare: Presenta i cavi fissi considerati indispensabili, mentre gli altri sono sostituiti da connettori.
  • Sistema di cablaggio fisso: Tutti i cavi sono fissi, quindi esteticamente è il sistema meno gradevole. Tuttavia, gli alimentatori con cablaggio fisso sono più economici.

Sistema di raffreddamento

I più comuni sistemi di raffreddamento degli alimentatori si basano su una ventola interna. È importante che tale ventola sia di buona qualità e più silenziosa possibile, soprattutto se dovrà funzionare in maniera continua. Alcuni alimentatori di fascia alta integrano anche un sistema di accensione e spegnimento della ventola.

Tale sistema accende o spegne la ventola a seconda della temperatura. Dall’altra parte, alcuni alimentatori utilizzano sistemi di raffreddamento passivi, basati su grandi radiatori realizzati in alluminio, attraverso i quali vengono raffreddati i diversi componenti interni dell’alimentatore.

Conclusioni

L’alimentatore è uno dei componenti più importanti di un PC. Un alimentatore di cattiva qualità, o incapace di soddisfare la richiesta energetica dei diversi componenti del dispositivo, può far sì che le sue prestazioni ne siano influenzate al punto tale da comportare una notevole riduzione della vita utile dei suoi componenti.

Scegliere l’alimentatore adatto implica, prima di tutto, di tenere in considerazione la sua potenza, il modo in cui la distribuisce, il formato, la certificazione e il sistema di raffreddamento che utilizza. Infine, è consigliabile puntare su un prodotto di alta qualità e il cui produttore offra una garanzia sufficientemente estesa.

Se ritieni che questa guida ti sia risultata utile nel tuo processo di scelta, puoi lasciarci un commento o condividerla attraverso i vari social network.

(Fonte dell’immagine in evidenza: Vil’man: 82024031/ 123rf.com)

Perché puoi fidarti di me?

Erika Cecchetto Scrittrice e traduttrice
Lavoro prevalentemente come traduttrice, professione iniziata quasi per caso ma che si è poi rivelata la mia grande passione. Amo leggere e scrivere e, quando si presenta l’occasione, mi dedico alla scrittura di articoli e testi di vario genere, avendo cura di renderli sempre scorrevoli e di gradevole lettura.