L’amplificatore del segnale della TV è la soluzione ideale se hai problemi nel vedere i canali televisivi. Nonostante altri dispositivi a disposizione, è innegabile che la TV abbia ancora oggi una certa importanza in tutte le case. Siamo però sempre più abituati a vedere immagini di alta qualità e in alcuni casi un amplificatore del segnale può tornare utile.

Non tutti però sanno quale sia lo scopo di questo specifico dispositivo e ne ignorano le potenzialità. Inoltre, per la moltitudine di prodotti disponibili sul mercato, non è facile decidere quale comprare. In questa guida cercheremo di chiarire tutti gli aspetti fondamentali per farti acquistare il miglior amplificatore del segnale TV che soddisfi le tue esigenze.

Le cose più importanti in breve

  • Gli amplificatori del segnale TV potenziano la ricezione dell’antenna e aiutano a distribuire un segnale migliore tra le televisioni connesse ad essa.
  • Prima di comprare un amplificatore devi assicurarti del buon funzionamento dell’antenna e del cavo di connessione delle tv, nel caso ci fosse bisogno di ripararli o di cambiarli.
  • Gli amplificatori dovrebbero essere posti più vicino possibile alla fonte di origine del segnale (l’antenna), poiché, così facendo, si evitano le interferenze e la maggior parte degli inconvenienti che sorgono durante il percorso del segnale fino alla tv.

Classifica: I migliori amplificatori del segnale TV sul mercato

Qui sotto potrai trovare la classifica dei migliori amplificatori di segnale TV presenti sul mercato. Abbiamo selezionato prodotti in grado di soddisfare diverse necessità e che, siamo sicuri, non deluderanno le aspettative rispetto al rapporto qualità-prezzo. Troverai le loro caratteristiche e anche le recensioni di chi li ha acquistati in precedenza.

Posto nº 1: G.B.S. Elettronica S.R.L.

Questo amplificatore è dotato di un’interessante frequenza che può variare dai 47 fino ai 230 MHz. L’UHF, invece, varia da 470 fino ad un massimo di 790 MHz. Inoltre, è provvisto di filtro LTE, che ha un range da 791 fino a 862 MHz. La banda UHF è variabile tra i 10 e i 25 dB, mentre la banda VHF va da 0 fino a 15 dB. Infine, l’attenuazione LTE è inferiore ai 20 dB.

Gli utenti che hanno lasciato commenti relativi a questo prodotto lo apprezzano per i benefici arrecati in termini di potenza del segnale. Inoltre, buona parte dei recensori afferma di aver risolto del tutto o in parte i problemi di ricezione, potendo finalmente vedere canali che prima risultavano disturbati. Giudicata facile l’installazione.

Posto nº 2: HD-LINE

Il segnale potenziato da questo amplificatore può essere rimandato fino a 4 televisioni, ognuna delle quali deve essere collegata all’amplificatore. Una volta collegato l’amplificatore, infine, è sufficiente impostare la rotella per affinare il segnale terrestre (UHF da 10 a 25 dB + VHF da 0 a 15 dB).

Gli utenti esaltano il miglioramento nella potenza del segnale rilevato. Inoltre è gradita la linea estetica del prodotto e il fatto che non si surriscalda. Molte recensioni confermano di aver collegato l’amplificatore a più di un televisore ottenendo migliori performance a livello di ricezione di canali prima irraggiungibili o disturbati.

Posto nº 3: Microtec

Amplificatore da palo interamente schermato e dotato di tecnologia SMD, che garantisce un basso rumore e un’elevata qualità. È dotato di un ingresso logaritmico (VHF+UHF) con regolazione separata delle bande ed è consigliato per rinforzare in caso di segnale medio debole. La potenza del segnale viene indicata tramite 4 LED.

Gli utenti che lo hanno sostituito ai vecchi amplificatori da palo hanno riscontrato un netto miglioramento nella potenza del segnale e nella ricezione di canali, giungendo ad averne quasi 200 in più. L’installazione è facile ed intuitiva. Anche il box esterno viene citato come molto resistente e saldamente chiuso, efficace quindi nel resistere alle intemperie.

Posto n° 4: Lampa 39101

Questo amplificatore ha un voltaggio compreso tra i 12 e i 24 volt e può essere alimentato mediante uno spinotto accendisigari con cavo da 1,3 metri. Consigliato quindi nei campeggi e in simili situazioni. Le viti per il montaggio sono incluse nel packaging. Deve essere utilizzato con un pre-amplificatore.

Il prodotto viene apprezzato dai recensori in quanto migliora sensibilmente la ricezione di un elevato numero di canali prima disturbati. Anche il funzionamento immediato viene elogiato, così come la facilità di installazione dell’articolo. Inoltre, il rapporto qualità-prezzo viene giudicato come “ottimo”.

Posto nº 5: Shine Italia

Un partitore di segnale per antenna e digitale terrestre utile per raggiungere i canali prima non visibili. È dotato di 4 vie e il passaggio di corrente è su un’uscita per alimentazione degli amplificatori da palo. Inoltre, il box da palo prevede la funzione ABS ed è dotato di guarnizioni e di fascetta per il fissaggio. La frequenza varia da 5 fino a 900 MHz.

I recensori apprezzano la facilità di installazione e di montaggio. Inoltre, viene molto elogiata la protezione fornita alle connessioni. Buono anche il rapporto qualità-prezzo: il prodotto viene infatti considerato “economico ma ben costruito”. Ognuna delle 4 vie, secondo quanto affermato da molti utenti, riceve sia in entrata che in uscita un segnale forte e duraturo.

Guida all’acquisto: Tutto quello che devi sapere sugli amplificatori del segnale TV

Con i dati alla mano sarai in grado di indicare il tipo di amplificatore più adatto a te, i vantaggi che cerchi, la frequenza più adatta, il numero delle prese di uscita che deve avere, anche se quest’ultima caratteristica richiede solamente un rapido e facile controllo dei televisori di cui disponi. Queste informazioni ti faranno risparmiare tempo e sarai in grado di trovare il prodotto che meglio possa soddisfare le tue esigenze.

amplificatore-segnale-tv-prima-xcyp1

Il compito degli amplificatori è far sì che il segnale arrivi forte ai dispositivi.
(Fonte: Thamkc: 47899387/ 123rf.com)

Che cos’è esattamente un amplificatore del segnale TV?

Un amplificatore di antenna è un dispositivo che riceve il segnale e la potenza, assicurando che arrivi il più forte possibile ai tuoi televisori e che ognuno di essi lo riceva con l’intensità adeguata per assicurare una buona qualità dell’immagine e del suono. È un articolo fondamentale se vuoi che il segnale sia distribuito a diversi apparecchi partendo da un unico impianto.

Bisogna specificare però che non migliora la qualità del segnale. Se l’antenna riceve male, l’unica cosa che farà l’amplificatore sarà quella di potenziare questa scarsa prestazione. Non devi nemmeno dimenticare che l’eccessiva forza dell’amplificatore sarebbe allo stesso modo negativa poiché produrrebbe del “rumore”, quindi dovrai regolarlo fino a raggiungere un punto di equilibrio che ti consenta di avere un rendimento ottimo.

Perchè si utilizza un amplificatore del segnale TV?

La distanza tra l’antenna e il televisore solitamente è abbastanza ampia, perciò le interferenze aumentano ed il segnale va deteriorando. L’amplificatore viene utilizzato precisamente per annullare gli effetti causati dal lungo percorso del cavo. Conferisce maggiore forza al segnale e permette che gli apparecchi televisivi lo diffondano con maggiore nitidezza.

L’amplificatore è indispensabile se vuoi collegare lo stesso impianto a vari televisori, indipendentemente dalla forza con cui arriva il segnale alla tua antenna. In questo modo, farai sì che la distribuzione migliori d eviterai che alcuni degli apparecchi ricevano un segnale molto debole che influisca negativamente sulle sue prestazioni.

Clive BarkerScrittore e regista cinematografico

“La televisione è il primo sistema veramente democratico, il primo accessibile ovunque e completamente governato dai desideri della gente. La cosa terribile di tutto ciò è, infatti, proprio quello che desidera la gente”.

Quanti tipi di amplificatori di segnale TV puoi trovare?

Il mercato offre due tipi di amplificatori: da palo o da interno. Il primo ti offre una maggiore potenza e la vicinanza con la fonte di origine del segnale, evitando così i problemi che potrebbe causare un percorso troppo lungo dei fili. Il secondo è utile in situazioni di pretese più moderate o in certi casi specifici. Queste sono alcune delle loro caratteristiche:

Tipo Caratteristiche
Amplificatori da palo Hanno bisogno di una fonte di alimentazione che trasformi il segnale da 220 v a 12 o 24 volt.

L’aumento della forza del segnale sarà tra i 30 e i 40 dB. Alcuni generano fino a 50 dB.

Ci sono modelli che dispongono di una decina di uscite.

L’installazione dell’amplificatore viene realizzata in prossimità della fonte di origine del segnale per evitare di ricevere un segnale troppo debole.

Amplificatori da interno Generano un aumento della forza tra i 16 dB e i 24 dB.

Solitamente si utilizzano per potenziare il segnale che altrimenti arriverebbe debole al dispositivo.

Normalmente si usano insieme ad altri amplificatori. Per questo vengono considerati apparecchi secondari.

Il loro prezzo è inferiore rispetto ai modelli da palo.

Qual è il posto migliore dove installare un amplificatore del segnale TV?

Senza dubbio, dovresti collocare l’amplificatore da palo il più vicino possibile all’antenna o alla fonte di origine del segnale, in questo modo eviterai le interferenze e la perdita di nitidezza che potrebbe verificarsi durante il percorso, generalmente molto lungo, che porta il segnale dall’antenna alle televisioni.

Quando si parla degli amplificatori da interno, si raccomanda di collocare anch’essi in prossimità, anche se in questo caso del televisore. Dobbiamo ancora una volta ricordarti che questi apparecchi non migliorano la qualità del segnale, solamente la sua potenza. Per cui, se assisti ad un problema di bassa qualità non potranno aiutarti a porvi rimedio, ma possono sistemare i problemi dovuti alla debolezza del segnale.

Come si installa un amplificatore del segnale TV?

Nella maggior parte dei casi non è difficile installare gli amplificatori del segnale TV. Ognuno di essi include delle istruzioni per il suo montaggio e, comunque, si tratta di seguire due o tre semplici passi. Non serve essere un tuttofare, ti basterà disporre di alcuni attrezzi, come di un cacciavite per fissare il cavo nei connettori di entrata e di uscita.

L’amplificatore da palo è composto da due parti fisiche, la fonte di alimentazione e il corpo di amplificazione. Il secondo va collocato nel palo dell’antenna e necessita di essere fissato in modo appropriato. Da parte sua, l’amplificatore da interno offre, in alcuni modelli, la possibilità di venir appeso alla parete. Altri, invece, vanno connessi direttamente alla corrente elettrica.

amplificatore-segnale-tv-seconda-xcyp1

Esistono diversi modelli di amplificatori sul mercato, cerca quello che risponde di più alle tue necessità. (Fonte: Glevalex: 92061302/ 123rf.com)

Devi chiamare un tecnico per risolvere i tuoi problemi di segnale?

Se hai le conoscenze base per poter verificare la quantità del segnale che arriva all’antenna, sarai in grado di sapere il tipo di amplificatore di cui avrai bisogno. Poi, con un po’ di pazienza e seguendo le istruzioni, lo potrai installare da solo. Ma se hai dei dubbi o se non ti senti in grado, la cosa migliore è che tu chieda aiuto ad un professionista.

Un tecnico specializzato dispone di un misuratore di campo che verificherà la quantità esatta di segnale e la sua qualità. La precisione è un punto fondamentale, dal momento che non va bene se il segnale arriva troppo debole, ma nemmeno se arriva troppo forte. Un’amplificazione esagerata saturerebbe il segnale e non ti permetterebbe di vedere la televisione.

Quali sono le marche di amplificatori di segnale TV più conosciute?

Televés è un gruppo internazionale, con sede a Santiago de Compostela, che possiede una ventina di marche. È specializzato in ricerca, design, fabbricazione e commercializzazione di apparecchi per le telecomunicazioni. È nato nel 1958 come un piccolo negozio di produzione di antenne. Tra i suoi prodotti di qualità troviamo gli amplificatori per segnale TV.

König è una marca con sede in Germania e offre una gamma di oltre 1000 articoli. È sinonimo di impresa di qualità a prezzi competitivi. È famosa, tra le altre cose, per i suoi prodotti elettronici, e i suoi amplificatori di segnale TV sono tra i più usati ed i più apprezzati in tutto il mondo.

Fernando GomezScrittore e regista cinematografico

” Sei, otto milioni di spettatori. Questi sono numeri che nessun direttore teatrale o scrittore, nemmeno Eschilo, Sofocle o Euripide, ha mai sognato”.

È molto conosciuto anche Engel Axil, con quasi mezzo secolo nel settore delle telecomunicazioni e la sua presenza in vari paesi, divenuto popolare soprattutto grazie agli apporti tecnologici che ha realizzato in Spagna. La francese Metronic, l’italiana Meliconi o la svizzera Axing sono altre delle marche più conosciute per questo tipo di prodotti.

Criteri di acquisto

Prima di iniziare la ricerca dell’amplificatore che possa risolvere i problemi del tuo segnale TV, devi fare una diagnosi. Quali sono i punti carenti dell’impianto? Per fare ciò ti servirà un misuratore di campo, che ti indicherà l’ampiezza del segnale chi arriva all’antenna e la sua qualità. Poi, seguendo i criteri qui sotto descritti, saprai con certezza di quale amplificatore avrai bisogno.

  • Tipo
  • Livello di amplificazione
  • Frequenza
  • Uscite
  • Potenza-qualità

Tipo

Come abbiamo già detto prima, ci sono due possibili opzioni per quanto riguarda il tipo di amplificatori: da palo e da interno. Il primo potenzia il segnale dell’antenna, per cui deve essere ubicato il più vicino possibile ad essa se si vuole disporre di una migliore qualità del segnale, invece, il secondo, meno potente, va a posto vicino alle TV.

Probabilmente con entrambi otterrai il risultato che cerchi, a patto che la misurazione che hai effettuato sia corretta e tu abbia controllato le caratteristiche del prodotto di cui necessiti. Ovviamente, acquistando entrambi gli amplificatori il successo è assicurato.

amplificatore-segnale-tv-terza-xcyp1

Un misuratore di campo ti aiuterà a verificare la intensità esatta del segnale e la sua qualità.
(Fonte: Konstantin Pelikh: 95564806/ 123rf.com)

Livello di amplificazione

Il livello di incremento del segnale che generano gli amplificatori si misura in decibel. Quelli a palo o da esterni possono garantirti dai 30 ai 40 dB, e alcuni apparecchi sono in grado di raggiungere i 50 dB. Comunque, servono solo per la televisione terrestre. Non sono compatibili con le frequenze richieste per amplificare il segnale del satellite.

Per quanto riguarda gli amplificatori da interno, essi generano un aumento tra i 16 e i 24 dB, sufficienti per il loro compito e a volte quasi eccessivi, in quest’ultimo caso si può sistemare tale eccesso con un potenziometro. Si possono anche trovare amplificatori di linea che rendono più forte il segnale già potenziato di un grande impianto, arrivando fino ai 40 dB, e funzionanti anche con il satellite ed il digitale terrestre.

foco

Sapevi che nel 1969 venne trasmesso per TV l’allunaggio dell’Apollo 11 e lo videro circa 600 milioni di persone?

Frequenza

Il segnale della TV, a seconda che sia terrestre o satellitare, si trasmette tramite diverse frequenze. Il digitale terrestre trasmette dai 470 ai 790 MHz è il satellite da 950 a 2150 MHz. Il primo si diffonde mediante un cavo coassiale ed il secondo con il cavo dell’antenna. Avrai bisogno di trovare l’amplificatore che lavori alla frequenza desiderata. Alcuni funzionano con entrambe le opzioni.

Uscite

Questo, a priori, è l’aspetto più facile da risolvere. Dovrai semplicemente contare le TV alle quali vuoi fare arrivare il segnale e acquistare un amplificatore che, oltre a soddisfare le tue necessità, abbia lo stesso numero o un numero maggiore di uscite. Se sono molte, ciò influirà sul prezzo e sulla qualità che otterrai.

È importante aggiustare l’offerta alla domanda. Se hai due televisori, non vale la pena comprare un amplificatore con più di due o tre uscite, a meno che non siano altre le caratteristiche che ti facciano scegliere proprio questo prodotto. Il risparmio economico risultato dall’attenzione ad ogni piccolo dettaglio potrebbe permetterti di acquistare un articolo di maggiore qualità.

Potenza-qualità

Se speri che l’amplificatore migliori la qualità del segnale, rimarrai deluso e potresti addirittura pensare di aver sprecato il tuo denaro. Il suo compito è esclusivamente quello di potenziare il segnale, dargli più forza, non è in grado di aumentarne la qualità. Se questa è cattiva, non farà altro che rendere più visibile questo difetto. Quindi, al posto di risolvere il problema, con il suo utilizzo lo avrai peggiorato.

Lo scopo dell’amplificatore è quello di far arrivare con forza il segnale ai dispositivi ai quali, a causa della loro distanza dall’antenna o degli ostacoli nel tragitto, giunge debole o quasi inesistente. Per questo, è fondamentale che sia l’antenna che l’impianto in generale siano in buono stato. Solo a partire da una buona qualità potrai ottenere risultati grandiosi con l’amplificatore.

Conclusioni

Canali che non si vedono a causa della mancanza di segnale o immagini “a pixel” dovute alla debolezza dello stesso, sono situazioni che puoi sperimentare quando guardi la TV. Come prima cosa, devi assicurarti che non ci siano avarie e che i materiali dell’impianto siano in buono stato, ovvero che l’antenna funzioni correttamente e che il cavo che porta il segnale alle televisioni sia in buone condizioni.

Se il segnale è di buona qualità, potrai renderlo più forte attraverso l’uso degli amplificatori di segnale TV. Esistono varie opzioni e vari modelli, sia per potenziare la ricezione dell’antenna, sia per distribuire il segnale tra i vari dispositivi. Potrai anche decidere di utilizzare entrambi i tipi di amplificatori, da palo e da interno, contemporaneamente se quel che cerchi è la perfezione.

Se ti è piaciuto l’articolo, puoi condividerlo sui social o lasciarci un commento. Grazie!

(Fonte dell’immagine in evidenza: Citadelle: 41311889/ 123rf.com)

Vota questo articolo

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
24 Voto(i), Media: 4,00 di 5
Loading...