Ultimo aggiornamento: 03/08/2021

Come scegliamo

7Prodotto analizzati

21Ore impiegate

6Studi valutati

30Commenti raccolti

Energia concentrata nel palmo della tua mano. Una batteria è proprio questo: energia dormiente che viene liberata in un processo quasi magico semplicemente entrando in contatto con i metalli giusti. Tra le batterie più comunemente usate ci sono le batterie AAA.

In questo articolo ti spiegheremo queste batterie e come funzionano. In questo modo, sarai in grado di utilizzare questa energia in modo corretto ed efficiente, senza spendere grandi somme di denaro. E mettendo questi piccoli motori tascabili a tua disposizione.




Sommario

  • Un gran numero di elettrodomestici e dispositivi utilizza batterie AAA. Ecco perché è sempre bene averne qualcuno in più in casa.
  • La scelta è enorme, quindi devi sapere quale scegliere. Spesso i dispositivi richiedono tensioni e componenti specifici.
  • Dovresti considerare per cosa userai le batterie AAA. Potresti voler investire un po’ di soldi in più all’inizio e poi pagare in seguito.

Batterie AAA: la nostra raccomandazione dei migliori prodotti

Se stai cercando delle batterie AAA, questa lista può aiutarti a confrontare diversi tipi e prezzi. In questo modo, puoi scegliere le migliori per te e dimenticare il problema dell’alimentazione.

Guida all’acquisto: cosa devi sapere sulle batterie AAA

Ci sono molti tipi diversi di batterie. Così tanti, infatti, che spesso ci troviamo a sforzare una fonte di energia e finiamo per rovinare i nostri gadget. Proponiamo di porre fine a questo problema proprio adesso. Ecco le domande più frequenti quando si scelgono le batterie AAA.

L’elettricità scorre in modo controllato grazie ai metalli che fungono da conduttori. (Fonte: Zhdanova: 142692926/ 123rf)

Quali sono i diversi tipi di batterie?

Le batterie sono celle voltaiche, capaci di trattenere energia elettrica. Questo viene rilasciato quando entra in contatto con diversi metalli. Sono classificati come primari e secondari (usa e getta o ricaricabili).

Sono comunemente classificati per forma e dimensione. Queste sono le batterie più comuni sul mercato e quelle che alimentano la maggior parte degli oggetti quotidiani.

Cosa caratterizza le batterie AAA?

Le batterie Triple A sono una delle più piccole tra le batterie alcaline. Insieme alle batterie AA, sono le batterie più comuni sul mercato. Entrambi hanno la stessa tensione (1,5 V) e una singola cella voltaica. Tuttavia, non possono essere utilizzate in slot di dimensioni diverse, anche se sono disponibili adattatori e connettori.

Le batterie AAA hanno meno materiali elettrochimici, quindi durano meno tempo. Mentre le batterie AA hanno una capacità di 2400 mAh, le batterie AAA hanno 1000 mAh. Quindi, le batterie tripla A si trovano spesso in dispositivi a bassa potenza.

Come migliorare la vita di una batteria AAA?

Non c’è niente di peggio che trovarsi di fronte a situazioni estreme ed essere dipendenti dalla potenza che abbiamo nei nostri dispositivi. Se hai paura di rimanere senza comunicazione in un momento critico, presta attenzione a questi consigli

  1. Evita le temperature estreme (specialmente le alte temperature). Ogni batteria o accumulatore si scarica se esposto a temperature molto alte.
  2. Evita l’umidità. Non conservare le tue batterie in un ambiente umido.
  3. Non colpire o danneggiare le batterie in nessun caso.
  4. Ricorda di seguire le raccomandazioni dei produttori. Spesso danno consigli precisi per ogni marca.

Come smaltire correttamente le batterie

La cosa più importante da sapere è che le batterie non devono essere gettate o sotterrate. Questo perché possono contaminare le acque sotterranee.

Una piccola batteria può contaminare 600.000 litri d’acqua.

La cosa più consigliabile da fare è cementificare le batterie (fare dei mattoni di cemento in cui vengono messe le batterie scartate). Tuttavia, è più conveniente utilizzare le bottiglie di plastica come contenitori. Dopo aver riempito le bottiglie con le batterie, chiudile bene. Se possibile, dovrebbe poi essere consegnato ad un centro di riciclaggio.

Come fai a sapere se una batteria AAA è carica?

In ogni casa c’è un cassetto dove le batterie e i cavi si impigliano tra loro. Con questo piccolo trucco, puoi liberarti delle batterie morte e conservare le batterie che hanno ancora energia

  • Trova una superficie liscia.
  • Prendi la batteria che vuoi testare e mettila verticalmente sulla superficie.
  • Sollevalo di pochi centimetri e rilascialo.

Se la batteria tiene e non ha problemi a trovare il suo equilibrio, è carica. Se invece oscilla e non si equilibra facilmente, viene scaricato. Questo è dovuto ai liquidi all’interno. Se si consumano, scompaiono, rendendo la loro struttura interna sempre meno uniforme.

Come ricaricare una batteria?

Ci sono molti miti che se le batterie vengono messe al sole, nel frigorifero o schiacciate con forza, guadagneranno nuova energia. Tuttavia, la realtà è che le batterie usa e getta possono fare poco dopo che si sono scaricate.

Se hai delle batterie ricaricabili, vengono caricate con dei caricatori. Questi caricabatterie, il più delle volte, sono collegati alla corrente elettrica o anche alle porte USB.

Ricorda: non c’è modo di ricaricare le batterie che non sono ricaricabili.

Centinaia di tipi, generi, componenti e dimensioni creano un mare di energia. (Fonte: John Cameron: QukrVl1F9Q0/ Unsplash)

Perché usare batterie AAA?

Molte volte non scegliamo di usare queste batterie. Semplicemente compriamo o abbiamo un dispositivo che ha bisogno di batterie AAA. La cosa buona è che spesso sono più economiche delle batterie AA. E poiché sono più piccole, possono essere trasportate facilmente.

Devi sapere che generalmente hanno 1,5 V – lo stesso di altre batterie e pile. Quindi, in termini di spazio ed energia, sono molto positivi. L’unico svantaggio è che possono essere più facili da perdere, dato che scivolano via più facilmente dei loro fratelli più robusti.

Criteri di acquisto

Con così tanta offerta, è meglio essere informati per fare scelte sagge. Presta attenzione e confronta tutte le possibilità che si aprono quando pensi ai diversi criteri di acquisto.

Ricaricabile o usa e getta

Come menzionato sopra, la classificazione formale delle batterie è divisa in primarie e secondarie (usa e getta o ricaricabili)

  • Ricaricabili: È importante sapere che le batterie ricaricabili hanno bisogno di un caricatore per fornire energia e sono solitamente più costose.
  • Usa e getta: Se hai bisogno di usarle velocemente e sai che non ne avrai più bisogno, le batterie usa e getta sono spesso una buona opzione.

Tasso di scarica

Il tasso di scarica di una batteria può essere misurato sapendo quanti ampere ha la batteria (sempre indicato sulla confezione e sulle batterie stesse). Insieme alla corrente a cui è collegato.

Dividi semplicemente gli ampere per la corrente. Per esempio: le batterie AAA hanno comunemente circa 1000 ampere (aMh). Se li colleghiamo ad un orologio da parete che di solito funziona con 0,1 aMh di corrente, questo ci darebbe 10.000 ore di durata della batteria, poco più di un anno.

Elettricità cristallizzata e potenza in standby, solo in un piccolo cilindro.
(Fonte: Danilo Alvesd: w1p05F4gyNg/ Unsplash)

Composti

I composti nelle batterie fanno sì che possano essere classificate in batterie primarie e secondarie. Ecco i diversi composti delle diverse batterie

Batterie primarie (usa e getta)

  • Batterie al carbonio/zinco: Queste sono le più primitive e sono raramente usate, a causa del loro costo e della loro minore efficienza. Hanno una tensione di 1,5 V e utilizzano uno stagno di zinco e grafite.
  • Batterie alcaline: Queste sono le più conosciute sul mercato e le più comunemente trovate nei negozi. Sono simili alle batterie al carbonio, con la differenza che contengono elettroliti rinforzati con il potassio. Questo fa sì che gli elettroni all’interno migrino in modo più efficiente.
  • Batterie al mercurio: Riconoscibili dalla loro forma circolare, sono solitamente utilizzate negli orologi. Sono simili alle batterie alcaline. Durano circa 10 anni e sono spesso utilizzati in piccoli dispositivi. La loro tensione è di 1,5 V.
  • Batterie all’ossido di argento: Questo è il miglior sostituto delle batterie al mercurio, dato che queste ultime sono un serio problema ambientale. Tuttavia, le batterie all’ossido d’argento sono molto costose. Sembrano identici e hanno una tensione di 1,5 V.

Batterie secondarie (ricaricabili)

  • Batterie al nichel-cadmio: Anche le batterie al nichel-cadmio sono dannose per l’ambiente, ma generano una corrente elettrica elevata. Hanno la capacità di essere ricaricati quasi 2000 volte, rendendoli più utili. Sono utilizzati sia nei giocattoli che nei veicoli aerei.
  • Batterie al nichel/idruro: Queste sono ben note, poiché hanno la stessa forma cilindrica delle batterie alcaline. Forniscono più energia: quasi il 40% in più delle batterie normali. Tuttavia, si consumano più velocemente e sono più costosi. Il loro vantaggio è che mancano dell'”effetto memoria”. Quando si ricaricano, funzionano esattamente come la prima volta, ma il numero di ricariche è inferiore a quello del nichel/cadmio.
  • Batterie agli ioni di litio: Basate sul movimento degli ioni, queste sono le batterie e le celle che si trovano nei computer portatili. La maggior parte sono ricaricabili e sono abbastanza leggeri. Soffrono poco l’effetto memoria, ma le alte temperature sono un problema per loro, poiché tendono a gonfiarsi.
  • Batterie al piombo: Generano grandi quantità di energia: tra 6 V e 12 V. Sono utilizzati nelle automobili. Sono molto pesanti e lavorano con una soluzione di acido solforico.

Tensioni

La tensione è l’unità di misura con cui viene indicata la quantità di energia in un circuito elettrico. Quando gli elettroni si muovono attraverso questi circuiti, generano elettricità. Dato che è quasi impossibile calcolare il numero di elettroni, si misura la quantità di potenziale tra un punto e l’altro

  • Le batterie alcaline AAA, e la maggior parte delle batterie primarie, sono tipicamente 1.5V.
  • Le batterie AAA al nichel sono tipicamente 1.2V.
  • Le batterie AAA al litio sono tipicamente 3.6V.

Tienilo a mente quando scegli le tue batterie e celle. Molti dispositivi non funzionano correttamente senza uno specifico livello di tensione.

Sommario

Puoi risparmiare energia in tasca, nelle tue borse e nei tuoi cassetti. L’elettricità all’interno di una batteria viene conservata. Usarlo correttamente può essere un grande vantaggio, sia per risparmiare denaro che per evitare spiacevoli inconvenienti.

La forma è semplice: un cilindro che concentra l’energia. Un’invenzione meravigliosa, le sue applicazioni sono tanto varie quanto l’immaginazione. È sempre una buona idea averne qualcuno in più in casa. Non sai mai quando potrebbero essere necessari.

(Featured image source: Fuss: 126139902/ 123rf)

Recensioni