Ultimo aggiornamento: 29/07/2021

Come scegliamo

11Prodotto analizzati

20Ore impiegate

6Studi valutati

69Commenti raccolti

Molti di noi hanno imparato a suonare uno strumento. Sia come parte del curriculum accademico che come hobby, essere coinvolti nella musica in questo modo è molto positivo. Uno degli strumenti più popolari è la chitarra. È un dispositivo musicale a corde molto versatile con molti benefici a diversi livelli.

Anche se imparare a suonarlo non è eccessivamente complicato, ci vogliono anni di pratica per padroneggiarlo. È quindi uno strumento impegnativo e ideale per le persone che amano le sfide. La sua popolarità si è ora diffusa in tutto il mondo e, infatti, è usata in molti generi musicali. In questo articolo ne discuteremo alcuni aspetti in dettaglio.




Le cose più importante in breve

  • La chitarra è uno degli strumenti più famosi al mondo. Non è eccessivamente complesso da imparare e ha molti vantaggi.
  • È importante conoscere bene la chitarra, identificare le sue parti e capire come funziona. Ogni elemento ha una funzione nella produzione del suono.
  • Per quanto riguarda i criteri da considerare al momento dell’acquisto, le dimensioni o i materiali utilizzati sono solitamente importanti. Inoltre, scegliere quale si adatta meglio a noi, in base alla nostra precedente esperienza o al nostro stile musicale preferito.

Chitarra: la nostra selezione

In questa sezione, descriveremo e commenteremo alcune caratteristiche delle migliori chitarre attualmente sul mercato. Menzioneremo le loro caratteristiche e caratteristiche, così come ciò che gli utenti di solito evidenziano. L’idea è quella di guidarti nell’acquisto di un prodotto molto personale che dovrebbe essere adattato ai tuoi obiettivi.

Guida all’acquisto chitarra: Tutto quello che devi sapere

La chitarra, come qualsiasi altro strumento, può essere suonata come hobby o ad un livello più professionale, come membro di una band o di un gruppo. In ogni caso, dobbiamo essere chiari su alcuni aspetti quando decidiamo di acquistare questo strumento. Per esempio, conoscere le differenze tra i diversi tipi, la manutenzione che richiedono e i vantaggi di imparare a suonarlo.

Joven con guitarra

La chitarra è uno strumento che richiede molta pratica per padroneggiare. (Fonte: Ramiro Mendes: x3aAeCQ8Io8/ Unsplash)

Quali tipi di chitarre esistono oggi?

In questa sezione, discuteremo i principali tipi di chitarre che possiamo trovare oggi. Sono divisi in due categorie principali:

  • Chitarra classica: Questa è comunemente conosciuta come la chitarra spagnola, l’origine di molte delle versioni attuali. È composto da sei corde di nylon e costruito con legni di qualità, come il cedro. Producono un suono dolce e naturale tipico, per esempio, del flamenco. La sua principale differenza rispetto agli altri tipi sta nella tastiera, che è più piatta, più larga e senza curvatura. Ha anche un collo più largo.
  • Chitarra acustica: queste chitarre utilizzano corde fatte di nylon e filo, anche se possono anche incorporare corde di metallo. Hanno anche una tavola armonica. Sono ricchi di armoniche e molto popolari nella musica americana. È un tipo di chitarra molto versatile e si adatta ad una grande varietà di generi musicali (blues, pop, jazz, tra gli altri). Possiamo trovarli con 6 o 12 corde. Inoltre, a seconda del modo in cui diffondono il suono, possono essere suddivisi in acustici o elettro-acustici.
  • Chitarra elettrica: queste chitarre hanno uno o più trasduttori elettromagnetici o pickup. Per il loro funzionamento, hanno bisogno di essere collegati ad un amplificatore per mezzo di un cavo. Questi modelli hanno corde di metallo e possono essere a corpo cavo o solido, che non hanno una tavola armonica. Un ibrido tra i due è il corpo semi-solido, con una tavola armonica più piccola del normale. Ognuno è ideale per un particolare stile musicale.

Quali sono le parti di una chitarra?

La scelta della tua prossima chitarra non può essere fatta nella completa ignoranza. Oltre a conoscere le diverse versioni che esistono, devi avere un minimo di nozione delle parti che lo compongono. Una chitarra è composta principalmente da queste tre parti:

  • Tavola armonica: Questo è l’elemento più grande dello strumento. Ha, a sua volta, una parte inferiore chiamata fondo e una parte superiore chiamata tavola armonica. Ha delle chiusure laterali conosciute come cerchi. Nelle chitarre elettriche si chiama corpo.
  • Collo: questo è il lungo pezzo di legno che sporge dal corpo.
  • Corde: normalmente, ce ne sono 6 e sono numerati a partire da quella più vicina al terreno, che sarebbe la prima.

Insieme agli elementi menzionati sopra, ci sono altre aree che compongono la struttura della chitarra, che sono:

  • Buca: questo è il foro al centro della tavola armonica. Attraverso di essa scorre il suono generato dalla vibrazione dell’aria nella scatola.
  • Ponte: Questa è la parte dove le corde sono attaccate alla tavola armonica.
  • Sella: un piccolo pezzo incluso nel ponte su cui poggiano le corde.
  • Paletta: Questa è la parte del manico più lontana dalla tavola armonica. Contiene le corde e i pioli che permettono di modificare la tensione delle corde e di accordare le corde.
  • Capo: Questa è la parte dove le corde si appoggiano alla fine del manico, prima della cassa dei pioli.
  • Tastiera: È un sottile pezzo di legno attaccato al manico e alla tavola armonica che va dalla buca al capotasto.
  • Frets: questi sono sottili pezzi di metallo incorporati nella tastiera.

Ogni quanto tempo vanno cambiate le corde della chitarra classica?

Cambiare le corde regolarmente migliorerà il suono della chitarra, aiutando a prevenire la rottura prematura delle corde. Inoltre, il suono con le corde vecchie tende a deteriorarsi e a perdere qualità e può diventare stonato. Soprattutto se lo usiamo molto spesso. Pertanto, se vogliamo ottenere il massimo dalla chitarra, le corde dovrebbero essere cambiate frequentemente.

Con il tempo, le corde perdono la loro elasticità e vitalità, a causa del sale del nostro sudore e della ruggine.

Il punto di riferimento abituale è quello di sostituirli una volta ogni dodici settimane, ma non esiste una regola universale. Infatti, per sapere quando cambiarli, ci sono diversi fattori e indicatori da prendere in considerazione, tra cui:

  • Il tempo in cui giochiamo: Il suono ottimale della corda oscilla tra le 15 e le 20 ore di utilizzo. Da quel momento in poi, l’usura e la corrosione iniziano progressivamente.
  • Meno stabilità nell’accordatura: La frequenza dell’accordatura aumenta a causa di una diminuzione della qualità delle corde, con la conseguente alterazione del suono desiderato.
  • Sudorazione delle mani: se è troppo alta e non abbiamo cura di pulire e asciugare lo strumento dopo averlo suonato, le corde non dureranno a lungo.

Quali accessori accetta una chitarra?

La chitarra è uno strumento che ammette numerosi accessori, alcuni più necessari o importanti di altri. Tuttavia, tutti loro giocano il loro ruolo nel migliorare l’esperienza con questo strumento. Possiamo evidenziare quanto segue:

  • Accordatore: è un dispositivo elettrico che, tramite un segno visivo, indica qual è il suono più adatto su ogni corda. Pertanto, aiuta ad accordare i toni delle corde di una chitarra più rapidamente che ad orecchio o a mano. Allo stesso tempo, ci sono attualmente dei sintonizzatori online sia su siti web che sotto forma di app.
  • Capo o capotasto: un capotasto è un elemento utilizzato per variare l’intonazione della chitarra posizionandolo sul manico. Ti permette di suonare e cantare in toni più alti in un modo più comodo e semplice. Ci sono capos dritti, usati nelle chitarre classiche e flamenco, e quelli curvi, per chitarre acustiche ed elettriche.
  • Plettri: Questo è un accessorio molto utile, soprattutto per i principianti, ed è più spesso utilizzato sulle chitarre elettriche. Ti permettono di suonare le corde con precisione e stili diversi e sono disponibili in diverse dimensioni e materiali.
  • Cinghie: la loro funzione principale è quella di sostenere la chitarra e distribuire il peso sul retro, assicurando che rimanga vicino al corpo. Ci permettono quindi di mantenere il comfort quando si gioca in piedi. Sono disponibili in un’ampia varietà di design e modelli (pelle, tessuto, plastica). Tuttavia, la cosa più importante è che siano ergonomici.
  • Amplificatore: è un dispositivo elettronico con il quale si aumentano i segnali audio emessi dalla chitarra, in modo che il suono venga prodotto dall’altoparlante. Sia per le chitarre elettriche che per quelle elettroacustiche, un amplificatore può modificare il tono dello strumento, enfatizzando o attenuando certe frequenze e aggiungendo effetti come la distorsione.
  • Custodia: per comodità quando trasportiamo o riponiamo la nostra chitarra, dovremmo avere una custodia o un astuccio che si adatti al nostro modello. Le custodie, per esempio, tendono ad essere specifiche per ogni modello di chitarra, mentre le custodie tendono ad essere più versatili.

Apuesto joven con la guitarra eléctrica que se sienta en el amplificador en el cuarto de madera

L’amplificatore è un accessorio necessario per suonare la chitarra elettrica (Fonte: Galina Peshkova 65318126/ 123rf)

Quali sono i benefici del suonare la chitarra?

Come per altri strumenti e la musica in generale, suonare la chitarra ha diversi effetti positivi:

  1. Migliora le relazioni sociali migliorando l’interazione con gli altri, specialmente se facciamo parte di un gruppo o di una band.
  2. Favorisce la concentrazione e la stimolazione del cervello dovendo ricordare la posizione delle dita e le diverse note.
  3. Incoraggia la creatività perché è un modo di esprimersi liberamente.
  4. Riduce lo stress. L’attenzione e la concentrazione richieste per suonare la chitarra ti permettono di schiarirti la mente e di dimenticare altri problemi.
  5. Aumenta la fiducia man mano che uno padroneggia lo strumento, mentre compone e suona le proprie canzoni.
  6. Aumento della coordinazione uditiva e tattile. Padroneggiare la chitarra richiede una buona coordinazione delle mani. È anche importante avere un buon udito per percepire meglio i suoni e riconoscere le note.

Criteri di acquisto

L’acquisto di una chitarra è una decisione importante, specialmente quando vogliamo essere coinvolti in un processo di apprendimento a lungo termine. Per questo motivo, in questa sezione includiamo alcuni criteri e consigli da prendere in considerazione quando si acquista questo strumento.

Materiali

Una buona scelta del legno, specialmente nelle chitarre acustiche, è importante per il suono e il tono. Per determinare questa qualità, il top è l’elemento più importante, poiché il suono generato dalle corde viene trasmesso dal ponte al top, da dove viene amplificato.

Più grande è la cima, più forte è il suono. I top sono solitamente fatti di legno massiccio o di abete laminato.

Il laminato di solito non produce un suono così ricco come il legno massiccio, poiché non vibra così bene come il legno massiccio. Tuttavia, può essere una buona scelta per i principianti, che non hanno bisogno di pagare la massima qualità per iniziare. Inoltre, alcune chitarre utilizzano materiali alternativi per ottenere un buon suono.

Corde

Nel campo del suono della chitarra, il materiale di cui sono fatte le corde è importante.

Questi possono essere fatti di nylon, usati nelle chitarre classiche e buoni per i principianti, poiché offrono meno resistenza. O il bronzo, che offre suoni brillanti, caldi e duraturi. Anche acciaio, per le chitarre elettriche che producono suoni potenti, come nel rock and roll.

Oltre al nylon, vengono occasionalmente utilizzati anche il carbonio e il titanio. D’altra parte, ci sono due cose da considerare quando acquisti e cambi le corde.

Da un lato, la tensione delle corde, che può essere normale, alta o molto alta, ognuna delle quali offre una diversa sonorità. Si raccomanda di iniziare con corde di tensione normale e di confermare, per la loro manutenzione e durata, che sono rivestite.

Mujer bonita con la guitarra eléctrica y el amplificador

Il materiale più comune per le corde della chitarra elettrica è l’acciaio (Fonte: Galina Peshkova: 84273213/ 123rf)

Dimensione

In questo criterio viene presa in considerazione la distanza tra la paletta della chitarra e il ponte. Questo intervallo è la tastiera e, a seconda del suo valore, si distinguono quattro dimensioni: 1/4, 1/2, 3/4 e 4/4. Si raccomanda di aumentare le dimensioni in questo ordine, parallelamente alla crescita media del bambino, fino all’età di 11 anni.

Una chitarra con un corpo di medie dimensioni sarà abbastanza grande da risuonare bene, con un buon mix di volume e chiarezza.

La tastiera ha una certa influenza sul suono dello strumento. Più è piccola, più la chitarra sarà facile e comoda da suonare, poiché la tensione sulle corde sarà minore. Al contrario, una tastiera più lunga significa più tensione e meno suonabilità, ma un suono più brillante. Inoltre, la dimensione del corpo è rilevante, poiché influenza il suono proiettato.

Esperienza e utilizzo

È consigliabile essere chiari sull’uso che faremo della chitarra, così come il nostro livello e il nostro budget. L’opzione più raccomandabile per iniziare può essere la chitarra classica. È utile per imparare gli accordi, dato che le corde sono più distanti. Inoltre, di solito è più conveniente e ti permette di cambiare, in seguito, con un altro modello.

Una volta che hai acquisito un po’ di esperienza con la chitarra classica, puoi provare la chitarra acustica. La chitarra acustica offre una grande versatilità e permette una più ampia gamma di stili. Tuttavia, è un po’ più complesso da suonare a causa della maggiore tensione delle corde e del manico più stretto.

C’è meno spazio per le dita ed è richiesto uno sforzo maggiore. Infine, la chitarra elettrica offre il vantaggio che le corde non sono troppo strette, il che è importante per i principianti. Tuttavia, richiede un amplificatore, che è più costoso.

Vantaggi Svantaggi
Chitarra classica È più morbida sulle dita e l’ampia tastiera rende più facile suonare gli accordi

Permette la transizione ad altri modelli

Prezzo più economico

Gli stili musicali sono più limitati
Chitarra acustica Grande versatilità e compatibilità con una vasta gamma di stili

Permette anche la transizione ad altri tipi

Più sforzo della mano per giocarci

Più difficile da abituare

Chitarra elettrica Corde meno tese che rendono più facile suonare e adattarsi

Ideale per diversi stili

Richiede un amplificatore

Difficile cambiare in seguito con un altro modello

Preferenze e stili musicali

La chitarra, come già detto, offre il vantaggio di poter accompagnare e persino essere protagonista di molte canzoni e stili musicali. Affinché il suono sia il più vicino possibile a quello che vuoi suonare, devi prima analizzare quale stile stai cercando.

Pertanto, dobbiamo pensare al repertorio che ci piace o ci interessa di più e alla chitarra che meglio si adatta ad esso. Logicamente, se vuoi suonare, per esempio, heavy metal, dovresti optare per una chitarra elettrica. D’altra parte, per la musica latina o folk, la chitarra classica dovrebbe essere la prima scelta.

Conclusioni

La chitarra è uno strumento che si adatta a diversi stili musicali e può essere molto impegnativo. Ci vuole tempo e perseveranza per padroneggiarlo, ma allo stesso tempo ha molti benefici. Inoltre, tra i suoi diversi tipi ci sono molti modelli e marche, quindi i criteri di acquisto in questo caso sono molto soggettivi.

Dipenderà fondamentalmente dai nostri obiettivi e dalla nostra esperienza con la chitarra se siamo più interessati all’uno o all’altro. In ogni caso, è importante che i materiali utilizzati siano di alta qualità per un suono migliore.

Se hai trovato questo articolo utile e ti è piaciuto, apprezziamo i tuoi commenti. Allo stesso modo, ti invitiamo a diffonderlo in modo che altre persone interessate possano saperne di più su questo strumento. Grazie!

(Fonte dell’immagine in primo piano: Andre Mosele: b6H12dhARzk/ Unsplash)

Perché puoi fidarti di me?

Recensioni