Ultimo aggiornamento: 23/07/2020

Come scegliamo

8Prodotto analizzati

23Ore impiegate

6Studi valutati

49Commenti raccolti

Una percentuale sempre più considerevole di utenti usa un computer per navigare internet, usufruire di contenuti multimediali, studiare o svolgere attività d’ufficio. Si tratta di molti casi di situazioni in cui non serve una macchina costosa e performante, le cui potenzialità andrebbero sprecate.

I Chromebook sono una particolare categoria di PC portatili destinata proprio a questo genere di utenza, più preoccupata al risparmio economico che alle potenzialità della macchina. Chrome OS è il sistema operativo che li contraddistingue, ed è caratterizzato da un’interfaccia semplice, un funzionamento intuitivo ed un impatto energetico estremamente basso, il che porta a consumi ridotti e quindi ad una notevole durata della batteria, che supera anche le 8 ore con una singola carica.

Le cose più importanti in breve

  • I Chromebook sono portatili che sfruttano il sistema operativo Chrome OS, di cui molte funzioni sfruttano la tecnologia cloud.
  • Generalmente i Chromebook sono più economici rispetto ai portatili tradizionali, e garantiscono un avvio del sistema più rapido ed una maggiore autonomia.
  • È importante capire come si vuole usare un Chromebook così da scegliere un modello che abbia processore, RAM, capacità d’archiviazione e schermo adeguati alle proprie necessità.

I migliori Chromebook sul mercato: La nostra selezione

Di seguito troverai una selezione di Chromebook a cura di REVIEWBOX.it piuttosto variegata, con elementi appartenenti a fasce di prezzo differenti e destinati a differenti usi. Ciò che più li accomuna è un ottimo rapporto fra qualità e prezzo.

Il miglior Chromebook per rapporto qualità-prezzo

Il Lenovo 14e è una soluzione economica per chi avesse bisogno di un portatile per lo svago, il lavoro o lo studio, ideale per chi consuma contenuti audiovisivi grazie all’ottimo schermo da 14” con risoluzione Full HD. Si tratta di un Chromebook con 4GB di RAM, 64 GB per l’archiviazione ed un processore AMD A4. I recensori ne apprezzano l’ottima autonomia, la robustezza dei materiali, la fluidità del sistema, la totale assenza di rumore grazie alla dissipazione passiva e, più in generale, l’eccezionale rapporto qualità-prezzo.

La proposta migliore per il lavoro

L’Acer Chromebook Spin 13 si propone come la scelta ideale per chi necessita di una maggiore potenza di calcolo, magari per svolgere attività d’ufficio più impegnative, fotoritocco e multitasking, grazie anche all’ampio touch screen IPS LED da 13,5” in formato 3:2, il quale offre una risoluzione di 2256×1504 pixel. Monta un processore Intel Pentium 4417u con scheda grafica integrata HD 610, 4 GB di RAM DDR4 e memoria eMMC da 64 GB. Si tratta di un convertibile dall’ottimo rapporto qualità-prezzo, che include anche il pennino.

L’opzione con touch screen più conveniente

Per chi desidera un Chromebook convertibile in tablet spendendo il meno possibile, il Lenovo C340 si propone come la scelta migliore. Caratterizzato da un ottimo rapporto fra qualità dei materiali, funzionalità e prezzo, il C340 sembra essere molto apprezzato dagli acquirenti anche per la buona connettività che offre, con porte USB-C 3.1 e lettore di schede SD, e per l’eccezionale durata della batteria, che supera anche le 10 ore con la singola carica. Ha un touch screen da 11,6” con risoluzione HD, processore Intel Celeron N4000, 4 GB di RAM DDR e 64 GB per l’archiviazione su eMMC.

Il Chromebook migliore in assoluto

Il Google Pixelbook è un il primo Chromebook in grado di rivaleggiare con i computer portatili di fascia alta, e vanta un processore Intel Core i5-7Y57, RAM da 8 GB ed SSD da 128 GB. È alimentato da una batteria da 41 WHr che gli garantisce un’autonomia che sfiora le 10 ore, ed ha un display touch da 12,3” con risoluzione QHD da 2400×1600. La tastiera può ruotare di 360° per diventare un tablet, ed è incluso il pennino. I recensori sono entusiasti del prodotto ed apprezzano in modo particolare la possibilità di avere un laptop performante con le caratteristiche tipiche di un Chromebook, fra cui il peso di poco superiore al chilogrammo.

Guida all’acquisto: Tutto quello che devi sapere sui Chromebook

Se si ha intenzione di acquistare un Chromebook, è essenziale saperne leggere le caratteristiche tecniche così da poter fare la scelta più ideale. Esiste un’ampia varietà di portatili Chromebook ed ognuno è a suo modo unico, il che complica notevolmente la scelta. Nella la prossima parte dell’articolo cercheremo di risolvere tali dubbi.

Chromebook in primo piano

I Chromebook sono portatili che usano il Chrome OS, un sistema operativo con kernel Linux. (Fonte: Cagle: Ftx92UKO3Xg/ Unsplash.com)

Cos’è esattamente un Chromebook?

Un Chromebook non è altro che un normale computer portatile, che però usa il sistema operativo Chrome OS, basato su kernel Linux. È un sistema progettato per interfacciarsi al meglio con le applicazioni Google e per sfruttarne le potenzialità del cloud, quindi è necessario possedere un account di posta elettronica Gmail prima di poterlo usare a dovere.

Cosa si può fare con un Chromebook?

Con un Chromebook si può fare tutto ciò che può fare il browser web Chrome e molto altro. È possibile navigare su Internet ed usufruire di contenuti multimediali online tramite il brwoser, ed installare una serie di estensioni ed applicazioni attraverso il Chrome Web Store. Nei modelli prodotti dal 2017 in poi è anche possibile utilizzare applicazioni per sistemi Android, e in alcuni casi anche per GNU/Linux. Di seguito alcune delle app principali che potrete trovare:

  • Gmail: Il servizio di posta elettronica gestito da Google.
  • Google Docs: Un editor di testo leggero, intuitivo e completo.
  • Google Sheets: Un editor per fogli di calcolo sulla falsa riga di Microsoft Excel.
  • YouTube: La più famosa piattaforma online per la condivisione di video.
  • Pixlr: Un potente editor di immagini.
  • Project Photoshop Streaming (PPS): Photoshop, il software di fotoritocco più usato al mondo, in versione cloud.
  • Office: Un accordo fra Google e Microsoft ha permesso ai Chromebook di usufruire della suite di Office.
  • G suite for Education: Un set di strumenti pensati per insegnanti e studenti.
Chromebook

Con un Chromebook puoi fare molto più di quanto puoi già fare con il browser web Chrome. (Fonte: Neel: rndjGfyInvs/ Unsplash.com)

Che differenze ci sono fra un Chromebook ed un laptop convenzionale?

La tabella che segue riassume le differenze principali che si possono presentare confrontando un Chromebook ad un comune PC portatile.

Portatile tradizionale Chromebook
Sistema operativo Windows, Linux, Mac OS. Chrome OS, Linux
Prestazioni Molto variabili, dacché possono montare processori e memorie dai più economici ai più performanti Molto contenute, adatte ad uso generico e che garantiscono una buona durata della batteria, a discapito però dello spazio per l’archiviazione
Utilizzi Di ogni tipo, in base alla configurazione, incluso il gaming Principalmente attività d’ufficio, studio e svago, con limitate possibilità di gioco
Prezzo Molto variabile Tendenzialmente basso, ma si trovano anche modelli più costosi ed in grado di competere con i portatili di fascia medio-alta

A quale tipologia di utenti è destinato un Chromebook?

I Chromebook sono pensati per soddisfare principalmente due tipi di utenza: c’è chi ha bisogno di un portatile leggero, pratico e scattante per attività di ufficio e contabilità poco impegnative, e poi c’è chi è solito surfare il web, frequentare piattaforme di social networking ed usufruire di contenuti multimediali, come ascoltare della musica o guardare film e serie TV.

Tuttavia i Chromebook, con la loro interfaccia ridotta all’essenziale e con un’autonomia ben sopra la media, si rivelano adatti anche agli individui più anziani o per l’apprendimento, rappresentando una valida alternativa a tablet e netbook.

Chromebook tirato fuori da una borsa

I Chromebook sono generalmente più economici dei laptop convenzionali, e possono contare su un sistema operativo fluido e scattante. (Fonte: Lusina: OqkJRauvYXo/ Unsplash.com)

Quali vantaggi e svantaggi porta con sé un Chromebook?

I Chromebook possono offrire una serie considerevole di vantaggi e svantaggi rispetto ai portatili convenzionali, che verranno riassunti nella tabella che segue.

Vantaggi
  • Sono tendenzialmente più economici dei laptop tradizionali
  • Sono perfetti per lavorare in cloud
  • La maggior parte dei dati e dei programmi sfruttano il cloud, e non occupano spazio sul disco rigido
  • Il Chrome OS è fluido ed è operativo dopo pochi secondi
  • Di solito i malware non rappresentano un problema
  • L”interfaccia è semplice ed intuitiva
  • Godono di un”ottima autonomia, circa 7-8 ore
  • Si propongono come un ottimo dispositivo per l”apprendimento
  • Dispongono di una ricca selezione di software gratuiti.
Svantaggi
  • Hanno prestazioni limitate, e non sono in grado di competere con i laptop di fascia molto alta
  • Hanno una ridotta capacità di archiviazione
  • Molti programmi per Windows e macOS non sono disponibili su Chrome OS
  • Necessitano l”uso di un account Gmail
  • Sono in grado di eseguire solo i giochi più semplici

Quali sono i motivi per acquistare un Chromebook?

Un buon motivo per scegliere di acquistare un Chromebook può essere la facilità d’utilizzo del sistema operativo Chrome OS, il quale si adatta anche agli utenti più inesperti. Il Chrome OS è inoltre un sistema operativo più sicuro e affidabile di Windows, tanto che il rischio di incappare in virus e software malevoli è estremamente basso—situazione ideale per chi naviga molto online, soprattutto se si tratta di utenti poco avvezzi alle insidie del web.

Godono inoltre di applicazioni gratuite ed aggiornamenti automatici, e grazie l’integrazione delle app per Android, usare un Chromebook non è più difficile che usare uno smartphone o un tablet. A renderli ancora più simili a questi ultimi, vi sono i Chromebook convertibili in tablet, con tastiera rimovibile e schermo sensibile al tocco.

logo

Cosa comporta l’uso del cloud in un Chromebook?

Il vantaggio principale del cloud è che puoi accedere ai tuoi dati ovunque di trovi e con qualunque dispositivo, il che va incontro alle necessità dei chi chi lavora in gruppo o di chi lavora su dispositivi diversi. Naturalmente ciò significa anche che i dati salvati sul cloud non occuperanno spazio prezioso sui tuoi dispositivi, e non correranno il rischio di andare persi o di essere trafugati.

Si può anche giocare con un Chromebook?

I Chromebook non portatili pensati per giocare, e di conseguenza non supportano i giochi più complessi. È tuttavia possibile giocare ad alcuni titoli particolarmente leggeri e poco dispendiosi in fatto di potenza di elaborazione, disponibili sul Chrome Web Store.

Inoltre, come abbiamo anticipato, i Chromebook più recenti supportano le app Android, perciò è possibile installare molti dei giochi disponibili su smartphone e tablet Android, a patto che non richiedano risorse di sistema eccessive. C’è sempre la possibilità di giocare attraverso servizi di cloud gaming, come ad esempio Google Stadia, che consente di giocare anche ai titoli più recenti attraverso una normale connessione ad Internet; mentre i più smanettoni potranno anche installare un sistema operativo Linux, accedendo al parco di giochi e programmi disponibili su tale piattaforma.

Criteri di acquisto

Se stai valutando l’acquisto di un Chromebook, è importante capire cosa bisogna guardare per fare la scelta migliore. È il caso di specifiche tecniche e caratteristiche generali che contraddistinguo un Chromebook dall’altro, che necessitano di determinate nozioni per poter essere valutate. Nei prossimi paragrafi verranno illustrati i criteri d’acquisto principali che ti guideranno nella scelta del tuo prossimo Chromebook.

Design

Il design è un aspetto cruciale nella scelta di un Chromebook, e non si parla del mero aspetto estetico: è più una questione di usabilità e versatilità, come conseguenza della tipologia di prodotto acquistato. Ci sono infatti Chromebook più semplici e strutturalmente simili ad un netbook, e prodotti più complessi con schermi touch e tastiere rimovibili o rotabili a 360°, i cosiddetti laptop 2-in-1, tablet PC o convertibili.

Rientra nel design anche l’ampiezza dello schermo, le dimensioni ed il peso complessivo, caratteristiche che ne condizionano la resa grafica e la portabilità. Da non sottovalutare è  anche la robustezza dei materiali, specialmente quando si vuole acquistare un Chromebook con l’idea di portarlo sempre con sé.

Donna al PC

I Chromebook rappresentano lo strumento ideale per coloro che usano il PC solo per navigare su Internet, riprodurre contenuti multimediali e svolgere attività di studio e ufficio. (Fonte: Neel: sZYUKEWsDLA/ Unsplash.com)

Schermo

In commercio troviamo solitamente Chromebook con schermi che vanno dagli 11″ ai 14″, con risoluzione variabile; quest’ultima condizionerà la resa su schermo dei contenuti visualizzati: maggiore è la risoluzione, maggiori saranno i pixel a disposizione, e di conseguenza le immagini mostrate saranno più nitide.

Se vuoi vuoi godere al meglio dei tuoi film e serie TV preferiti, è consigliabile l’acquisto di un Chromebook che offra una risoluzione Full HD, se non addirittura QHD.

In molti casi i Chromebook dispongono di un touch screen, ovvero uno schermo sensibile al tocco che rende opzionale l’interazione con il sistema attraverso mouse e tastiera. In casi come questi è normale avere a che fare con Chromebook convertibili, la cui tastiera può essere piegata all’indietro o rimossa del tutto, in modo da avere per le mani un comunissimo tablet.

Processore

Qualora la questione non fosse abbastanza chiara, forse è bene ripeterlo: i Chromebook non sono portatili potenti. Il sistema operativo e le applicazioni che ospita sono pensate per essere fluide e reattive anche con i processori meno potenti, quindi l’esperienza finale su di un Chromebook risulterà sempre piacevole e priva di intoppi, nonostante la potenza di elaborazione sia solitamente inferiore ai portatili nella stessa fascia di prezzo.

Tuttavia il processore diventa un aspetto importante da considerare quando si vuole usare un Chromebook per qualcosa di più che sfogliare un social network, ed è in casi come questo che serve orientarsi su modelli che montano processori più performanti e costosi, come gli Intel Pentium, Core i3 e Core i5, piuttosto che gli Intel Celeron o gli AMD A4.

Ragazzo con un Chromebook in mano

Non hai bisogno di molto spazio per i tuoi dati ed i tuoi programmi quando puoi avere tutto sul cloud.
(Fonte: Cagle: Pfd1UPt7fDw/ Unsplash.com)

RAM

La RAM è una tipologia di memoria volatile utilizzata dal sistema per eseguire le applicazioni. Con l’incrementare della RAM a disposizione, migliorerà la capacità di multitasking di un PC e la complessità delle applicazioni che potrà eseguire in maniera fluida.

Nel caso dei Chromebook ci si trova quasi sempre davanti a dispositivi con 4 GB di RAM, quantità ideale per questa categoria di PC in quanto dispongono di un sistema operativo particolarmente leggero, e che di suo richiede pochissima RAM. Una quantità di RAM pari a 4 GB è adatta ad ogni situazione e rappresenta la scelta migliore, ma volendo risparmiare è possibile andare alla ricerca di modelli con 2 GB di RAM, o al contrario ci si può spingere oltre i 4 GB qualora si sia soliti aprire un numero considerevole di schede sul browser web, o se si avrà a che fare con software particolarmente complessi.

Treg iovani guardando un Chromebook

Chi dispone di un Chromebook può contare su una grande varietà di software gratuiti.
(Fonte: Cagle: v1p2DTakA/ Unsplash.com)

Spazio di archiviazione

I Chromebook sfruttano solitamente un particolare tipo di memoria per l’archiviazione dei dati chiamato eMMC. Si tratta di memorie elettroniche non sostituibili perché saldate direttamente sulla scheda madre, forti di un eccellente efficienza energetica che però va a svantaggio della velocità, essendo più lente rispetto ai moderni SSD (ma comunque superiori ai tradizionali hard disk).

Solitamente i Chromebook in commercio dispongono di un una memoria compresa fra i 16 GB ed i 64 GB, ma si possono trovare anche modelli più costosi che offrono più spazio. I modelli più costosi spesso prevedono anche l’impiego di SSD, che garantiscono prestazioni di alto livello. Al momento dell’acquisto di un Chromebook, Google offre due anni gratuiti per 100 GB di spazio in cloud su cui salvare i dati personali; allo scadere dei due anni, i dati saranno ancora accessibile da qualunque dispositivo, ma per continuare ad usufruire dello spazio sarà necessario rinnovare l’abbonamento.

Conclusioni

I Chromebook rappresentano un’alternativa economica ai laptop tradizionali, merito di un costo iniziale molto basso e di un ampia scelta di applicazioni disponibili gratuitamente. Spesso sono anche l’alternativa ideale ai netbook, grazie all’impiego di un sistema operativo pensato per essere quanto più fluido, leggero e facile possibile: il Chrome OS.

L’integrazione con Android nei modelli degli ultimi anni ha ulteriormente incrementato il parco app a disposizione dei Chromebook, che possono ora essere usati anche per giocare a titoli solitamente limitati a smartphone e tablet. Sul mercato iniziano a proporsi anche i primi modelli in grado di reggere un confronto con i portatili di fascia medio-alta, che si affiancano alla già ricca selezione di Chromebook convertibili in tablet.

Non resta molto altro da aggiungere, ma se hai ancora dubbi non esitare a lasciare un commento. Se infine la guida ti è stata utile nello scegliere il tuo nuovo Chromebook, fallo sapere a tutti condividendo l’articolo sui tuoi social di riferimento.

(Fonte dell’immagine in evidenza: Lusina: n6jNHTg2C2w/ Unsplash.com)

Perché puoi fidarti di me?

Francesco Vernaglione Scrittore e traduttore
Articolista e traduttore freelance, sono appassionato sin dalla più tenera età di storia e tecnologia, coltivando anche una passione per giochi e fumetti. Scrivo tanto per passione quanto per lavoro.