Ultimo aggiornamento: 21/10/2021

Un tramonto affascinante, un incredibile cielo stellato, gli enormi fuochi d’artificio di Capodanno – momenti che ti piacerebbe catturare per sempre. Ma ogni volta si presenta lo stesso problema: la macchina fotografica non riesce a catturare questi bellissimi spettacoli.




La soluzione è più vicina di quanto tu possa pensare e probabilmente ne hai sentito parlare: si chiama esposizione a lungo termine. Nel seguente articolo ti mostreremo cosa significa esposizione lunga e come puoi usare l’esposizione lunga per te stesso.

Cosa significa lunga esposizione?

Con l’esposizione a lungo termine, la velocità dell’otturatore della fotocamera è impostata su un valore più lungo, il che significa un tempo di esposizione di diversi secondi. Questo lungo tempo di esposizione è particolarmente vantaggioso con fonti di luce deboli, come gli scatti notturni.

Kamera

Fonte: Pixabay.com / Paul_Henri

È anche un ottimo modo per mostrare sequenze di movimento che sono altrimenti invisibili ad occhio nudo, per esempio la rotazione della terra:

Non c’è un limite esatto oltre il quale si parla di lunga esposizione, ma come regola si parla di un tempo di esposizione di un secondo in su. Anche se le lunghe esposizioni richiedono un po’ di pazienza, le fotografie sono particolarmente impressionanti.

Effetti

Tutto ciò che si muove e brilla o è illuminato può ottenere effetti interessanti con un lungo tempo di esposizione. Questo è particolarmente vero per i motivi di notte. Foto particolarmente insolite possono essere scattate in città o lungo strade trafficate.
Ma puoi anche ottenere grandi immagini durante il giorno con esposizioni lunghe: effetti di velo nebbioso con acqua che scorre o, per esempio, folle sfocate di persone in un ambiente immobile:

Fotografia

Quando si scattano esposizioni lunghe, è importante utilizzare una base stabile o un treppiede. Questo perché una foto scattata ad una velocità dell’otturatore così alta sarebbe molto probabilmente sfocata quando la fotocamera è tenuta in mano.

Cos’è l’esposizione lunga a bulbo?

Come menzionato sopra, l’esposizione della lampadina di solito inizia a un secondo e può essere estesa quanto vuoi. Tuttavia, la maggior parte delle fotocamere permette solo un tempo massimo di esposizione di 30 secondi, rendendo difficile scattare foto di notte, tra l’altro, perché questo richiede un tempo di esposizione ancora più lungo.

Questo è reso possibile dalla cosiddetta lunga esposizione a bulbo. La regola di base con questo tipo di esposizione è: l’esposizione è fatta finché tieni premuto il pulsante di scatto. Tuttavia, dato che puoi facilmente muovere la fotocamera con la mano, è consigliabile utilizzare un rilascio remoto per questo.

In passato, lo scatto remoto dell’otturatore veniva effettuato con un soffietto. Ecco perché oggi si chiama lampadina.

Quando e come faccio a fare lunghe esposizioni?

Le lunghe esposizioni temporali sono sempre utili quando ci sono condizioni di scarsa luminosità, si vuole mostrare una sequenza di movimenti o si vuole ottenere un certo effetto estetico.

Aurora

Fonte: Pixabay.com / Noel_Bauza

Esposizione lunga di giorno e di notte

Di notte, uno scatto con esposizione lunga ha bisogno di una certa preparazione

  1. Prima di tutto, dovresti assicurarti che la tua fotocamera abbia una priorità di apertura (modalità S o Tv), perché questo assicura che la fotocamera imposti automaticamente l’apertura corretta per il tempo di esposizione selezionato. Questo evita che la tua foto sia sovraesposta o sottoesposta alla fine.
  2. È importante utilizzare una superficie solida o un treppiede per evitare immagini sfocate. È anche meglio utilizzare uno scatto remoto.
  3. Il flash della tua fotocamera dovrebbe essere spento, poiché impedisce le esposizioni lunghe. Questo perché un flash è progettato per scattare una foto nitida con un tempo di esposizione particolarmente breve.
  4. Imposta la risoluzione più alta che la tua fotocamera può offrire.
  5. La tua fotocamera dovrebbe essere sempre a fuoco. Questo può essere difficile al buio, dato che la messa a fuoco automatica non funziona bene in questo caso. Quindi è meglio mettere a fuoco la fotocamera manualmente.
  6. Disattiva lo stabilizzatore d’immagine della tua fotocamera, lavora contro le lunghe esposizioni specialmente quando riprendi il movimento.

Durante il giorno avrai il problema che di solito è troppo luminoso per ottenere lunghi tempi di esposizione senza problemi. Ecco perché hai bisogno di un po’ di aiuto qui. Un filtro grigio o filtro ND (Neutral Density Filter) è uno schermo colorato che riduce la luce che cade sul sensore e quindi rende possibile aumentare artificialmente il tempo di esposizione.

Altrimenti, come per le lunghe esposizioni al buio, hai bisogno di una base solida o di un treppiede e di uno scatto remoto. Dovresti anche mettere a fuoco la tua fotocamera e spegnere lo stabilizzatore d’immagine.

Esposizione a lungo termine Rumore dell’immagine e riduzione del rumore La riduzione del rumore ha senso?

Quando si scattano lunghe esposizioni, può verificarsi del rumore dell’immagine. Ci sono alcuni modi per prevenire questo. La riduzione del rumore può essere ottenuta semplicemente utilizzando l’impostazione appropriata del diaframma e il corretto valore ISO (vedi sotto).

Un’altra possibilità è la cosiddetta riduzione del rumore. Questo funziona automaticamente con la maggior parte delle fotocamere a partire da un tempo di esposizione di più di un secondo. In questo caso, la fotocamera scatta due foto in rapida successione: una del soggetto e una con l’otturatore chiuso.

Spiegelreflexkamera

Fonte: Pixabay.com / gorartser

Nella seconda immagine, la telecamera rileva i cosiddetti pixel caldi, cioè le informazioni mancanti dell’immagine, e poi li calcola dalla prima immagine. Se hai familiarità con gli hot pixel, puoi disattivare questa funzione e ritoccarli da solo con un programma di editing di immagini adatto.

Quale apertura?

Un’apertura è responsabile della nitidezza generale, della profondità di campo e della luminosità. Otterrai le immagini più nitide se fermi il tuo obiettivo di due stop. Se usi un obiettivo grandangolare, la profondità di campo è solitamente sufficiente con il diaframma aperto.

Non dovresti abbassare il diaframma più del necessario, poiché questo può causare rumore nell’immagine e aumentare il tempo di esposizione.

Quale valore ISO?

In generale, dovresti utilizzare un valore ISO di ISO-50 o ISO-100 per le lunghe esposizioni. A valori più alti, il rumore si verifica spesso con un lungo tempo di esposizione, che puoi prevenire in questo modo.

Lunga esposizione cellulare Android vs. iOS

Nel frattempo, è anche possibile scattare lunghe esposizioni con molti smartphone. Questo di solito deve essere impostato manualmente nelle impostazioni della fotocamera.

Se lo smartphone non ha un’impostazione adatta, puoi aiutarlo con un’applicazione. Per Android, per esempio, c’è l’app “Light Pic” e l’app “Camera FV-5 Lite”. Per Apple iPhone, puoi ottenere l’applicazione “Long Exposure” da App Store o alcune applicazioni a pagamento come “Slow Shutter Cam” da iTunes.

Consigli e trucchi per l’esposizione a lungo termine

Photographer

Fonte: Pixabay.com / Pexels

Infine, qualche consiglio prima di iniziare a scattare foto.

  1. Familiarizza con la tua macchina fotografica, dovresti sapere in anticipo dove sono le impostazioni appropriate.
  2. Se la tua fotocamera ha una cinghia, stringila o rimuovila. Può causare immagini sfocate con vento leggero.
  3. Se vuoi essere preciso, porta con te una piccola livella e regola la tua macchina fotografica di conseguenza.
  4. Ricordati di caricare completamente la batteria della tua fotocamera prima di iniziare a scattare foto. Porta con te delle batterie di riserva cariche se necessario.
  5. Vestiti per il tempo, può fare freddo molto velocemente, soprattutto di notte.
  6. Porta con te una torcia se stai facendo fotografia notturna.
Recensioni