Ultimo aggiornamento: 12/08/2021

Come scegliamo

12Prodotto analizzati

19Ore impiegate

7Studi valutati

71Commenti raccolti

Oggi parleremo di un accessorio essenziale per chi vuole duplicare il segnale dell’immagine e del suono: lo splitter. Lo splitter Hdmi è un dispositivo pratico e funzionale che ti permette di replicare un contenuto in uno o più schermi. I

n questo articolo, ti spiegheremo come funziona lo splitter, perché dovresti averne uno e quali sono i fattori principali che dovresti prendere in considerazione per acquistare il miglior dispositivo tra i tanti modelli in vendita oggi.




Innanzitutto, il più importante

  • Lo splitter Hdmi replica il segnale ricevuto da un dispositivo come il computer o un videogioco, per due o più dispositivi.
  • È importante non confondere lo splitter con lo switch, due dispositivi simili, ma che forniscono risultati diversi.
  • In questo articolo capirai come utilizzare e come scegliere lo splitter Hdmi ideale in base alle tue esigenze.

Splitter: la nostra raccomandazione dei migliori prodotti

Lo splitter ha la funzione di ottimizzare il tuo lavoro o anche il tuo tempo libero. Ma il fatto è che esiste uno splitter HDmi per ogni esigenza. Con questo in mente, abbiamo selezionato i migliori modelli di splitter per te. Vedi:

Guida all’acquisto

Ci sono molte specifiche tecniche che differenziano uno splitter Hdmi da un altro. Ecco perché è importante capire un po’ il funzionamento di questo dispositivo prima di investire in esso. Per aiutarti in questo processo, abbiamo creato questa Guida all’acquisto. Qui capirai l’importanza dello splitter, quanto costa e dove comprarlo.

Mão conectando cabo Hdmi.

Lo splitter è un accessorio pratico e funzionale che può essere utilizzato sia in ambito professionale che domestico. (Fonte: Pramote Soongkitboon/123rf.com)

Cos’è uno splitter e a cosa serve?

Che sia per lavoro o per divertimento, è possibile che a un certo punto tu abbia dovuto utilizzare due schermi, sia del computer che della televisione, con la stessa immagine. Per esempio, supponiamo che tu debba tenere una conferenza a un gran numero di persone. Nell’auditorium, l’idea è di avere diversi monitor che trasmettono lo stesso contenuto allo stesso tempo.

Questo contenuto, a sua volta, viene salvato nel tuo notebook. Sorge quindi la domanda: come puoi riprodurre lo stesso contenuto allo stesso tempo su diversi monitor che sono lontani l’uno dall’altro? Questa è una situazione che può verificarsi anche in altri modi. Per esempio, potresti aver bisogno di collegare più schermi ad una singola fonte di contenuti per lavoro o anche per giocare ai videogiochi. Bene, per ognuna di queste situazioni, è qui che entra in gioco lo splitter Hdmi.

Conosciuto anche come ‘splitter HDMI’, lo splitter è un piccolo dispositivo che serve a replicare la stessa immagine, da una singola fonte, allo stesso tempo su più display. Questo è possibile perché lo splitter distribuisce il segnale audio e video proveniente da una fonte, come un computer, e lo invia a due o più ricevitori, come schermi TV o anche altri monitor.

L’installazione dello splitter è facile e veloce e il dispositivo può essere utilizzato per inviare il segnale da un notebook, computer, DVD, Playstation 3 o telecamera portatile.

Lo splitter esegue questo processo mantenendo la qualità dell’immagine e del segnale audio ricevuti. Per farlo, basta collegare un cavo HDmi sia alla sorgente che ai dispositivi che riceveranno il contenuto. Il numero di dispositivi che riceveranno e riprodurranno il segnale dipenderà da quante uscite ha lo splitter.

Qual è la differenza tra splitter e switch?

Se hai mai avuto bisogno di collegare diversi dispositivi alla stessa TV, potresti esserti chiesto: qual è la differenza tra splitter e switch per HDMI? Questi due dispositivi sono in realtà abbastanza simili visivamente. Ma la verità è che hanno funzioni totalmente diverse.

Come abbiamo visto, con lo splitter possiamo collegare solo una sorgente di segnale. Da lì, lo splitter Hdmi replicherà il segnale verso diverse destinazioni. Già con lo switch, avviene esattamente il contrario. Con l’aiuto di questo dispositivo, puoi collegare diverse sorgenti d’ingresso, ma una sola uscita.

A mesma imagem sendo reproduzida no notebook e em dois monitores.

Lo splitter Hdmi replica l’immagine di una sorgente per più display. (Fonte: Tranmautritam/ Pexels.com)

In altre parole, lo switch è necessario se hai diversi dispositivi come, per esempio, Blue Ray, e Xbox One, e vuoi collegarli ad una TV che ha un solo ingresso HDMI. In altre parole, lo switch è il dispositivo che collega diverse apparecchiature elettroniche ad un singolo dispositivo. Per darti una panoramica della differenza tra splitter e switch, dai un’occhiata alla tabella qui sotto:

Splitter Switch
Features  Un ingresso e uscite multiple Ingressi multipli e un’uscita
Funzione Replica il segnale audio e video su più schermi da una sorgente Collega più dispositivi su un dispositivo che ha un solo ingresso Hmdi

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi dello splitter Hdmi?

Come abbiamo visto finora, ci sono molti vantaggi dello splitter. Con questo piccolo e semplice dispositivo, sarai in grado di riprodurre, per esempio, un contenuto che si trova sul tuo portatile, per due o più TV o altri monitor. In pratica, questa funzione può ottimizzare il tuo lavoro.

Inoltre, a seconda del modello, puoi replicare il segnale su lunghe distanze. I modelli di splitter più efficienti supportano anche alte risoluzioni di immagini e suoni. E tutto questo senza perdere la qualità del segnale originale.

Projetor com cabos conectados.

Lo splitter può replicare il video a vari dispositivi, compresi i proiettori. (Fonte: Tomasz_Mikolajczyk/Pixabay.com)

D’altra parte, come svantaggio dello splitter possiamo citare il fatto che non tutti i produttori offrono un dispositivo di qualità. Alcuni modelli possono effettivamente presentare problemi di segnale. Per evitare questo problema, gli esperti raccomandano di investire in uno splitter e in cavi HDMI di qualità. Di seguito troverai i principali vantaggi e svantaggi dello splitter:

Vantaggi
  • Replica il segnale per due o più display
  • Supporta immagini e suoni ad alta risoluzione
  • Può raggiungere lunghe distanze senza compromettere la qualità del segnale
Svantaggi
  • Ci sono modelli di bassa qualità
  • Hai bisogno di cavi HDMI di alta qualità

Criteri di acquisto: cosa analizzare prima di acquistare lo splitter ideale

Ora che hai capito la funzione e l’importanza dello splitter Hdmi, è il momento di passare alla parte pratica: scegliere il modello migliore tra tante opzioni in vendita. Per aiutarti in questa fase, abbiamo elencato di seguito i criteri principali che dovresti prendere in considerazione quando scegli il tuo splitter. Dai un’occhiata: Affinché tu non abbia dubbi quando si tratta di analizzare ognuno di questi fattori, continua a leggere perché ti spiegheremo in dettaglio ognuno di essi.

Numero di uscite

Il primo criterio che ti consigliamo di osservare quando acquisti uno splitter Hdmi è il numero di uscite. Come abbiamo visto, il numero di uscite determinerà il numero di dispositivi in cui il segnale sorgente sarà replicato. A questo proposito, puoi scegliere uno splitter che abbia da due fino a 16 uscite.

Sapevi che oltre allo splitter Hdmi, esiste anche lo splitter VGA? Il connettore VGA si trova su cavi, schede video, monitor di computer e TV, di solito nei modelli più vecchi. Ma ancora oggi il suo principale concorrente è il cavo e lo splitter HDMI.

Per identificare il numero di uscite dello splitter, i produttori di solito mostrano dei numeri sulla confezione, come 1×2, che significa che il modello ha un ingresso e due uscite. Un altro esempio potrebbe essere 1×8, che indica che lo splitter Hdmi ha un ingresso e otto uscite. Vale la pena menzionare che i modelli di splitter con più di otto uscite sono raccomandati solo per le aziende o le persone che hanno davvero bisogno di tante porte HDMI che lavorano simultaneamente.

Supporto formati

Successivamente, analizza quali formati video e audio supporta lo splitter. I modelli più moderni, per esempio, supportano i formati audio digitali Dolby TrueHD e DTS-HD, oltre a tutte le versioni HDMI e persino il video 3D. Per scegliere il modello giusto, controlla quali caratteristiche saranno effettivamente utili nella tua vita quotidiana.

Risoluzione dell’immagine

Un altro fattore che ti consigliamo di considerare è la risoluzione dell’immagine che lo splitter scelto è in grado di supportare nella trasmissione del segnale senza causare cambiamenti. In generale, l’ideale è che tu opti per uno splitter con risoluzione 4K (3840×2160) o Full HD (1920×1080).

Sapevi che lo splitter non è in grado di ritardare o avanzare il segnale video? Ancora, è possibile che qualche modello di TV causi ritardi nell’ingresso video, che possono alterare la sincronizzazione nella replica del contenuto.

Gamma

Osserva anche che c’è una distanza di gamma dell’immagine da replicare, in modo che non ci siano interferenze nella qualità.

La portata dipende dal modello di splitter, dalla qualità del video e dal cavo Hdmi.

E il fatto è che la portata dipende dal modello di splitter, dalla qualità del video e dal cavo Hdmi, oltre alla qualità della TV o del monitor.

Alcuni modelli, per esempio, arrivano fino a 15 metri di distanza senza compromettere la qualità del segnale. Ma puoi anche trovare opzioni che promettono di raggiungere una distanza fino a 30 metri.

(Featured Image Source: Matt Pike/Unsplash.com)

Perché puoi fidarti di me?

Recensioni